Seguici su Facebook

 
Home / News / Immigrati: ‘chi scappa dalla guerra non merita rispetto’, striscioni ‘choc’ di CasaPound in 100 città italiane

Immigrati: ‘chi scappa dalla guerra non merita rispetto’, striscioni ‘choc’ di CasaPound in 100 città italiane

Roma, 31 gennaio – “Chi scappa dalla guerra, abbandonando genitori, moglie e figli non merita rispetto!”. E’ questo il testo degli striscioni a firma CasaPound Italia spuntati questa mattina in un centinaio di città italiane dal nord al sud del paese.

“In tanti potranno giudicare il nostro un messaggio ‘choc’ –spiega Cpi in una nota -, ma chi non ha fatto dell’ipocrisia la propria bandiera sa che non è possibile mettere sullo stesso piano chi abbandona paese e famiglia al proprio destino per scappare in Europa in cerca di benessere e chi sceglie di resistere e combattere per la libertà del suo popolo. E’ per questo che il nostro rispetto va ai siriani che vediamo combattere ogni giorno nell’esercito regolare del presidente Bashar al Assad per difendere la loro Nazione dall’oscurantismo dell’Isis più che ai tanti ‘migranti’ in fuga in Italia alla ricerca di sussidi e assistenza che nel loro paese non hanno lottato per ottenere”.


Palermo

 Siracusa

 

Lascia un commento

Commenti

Check Also

PALERMO, CASAPOUND RIQUALIFICA PARCHETTO IN ZONA CORSO FINOCCHIARO APRILE

Share Palermo, 14 maggio – Nella mattinata di domenica i militanti di CasaPound Italia Palermo …

Palermo, CasaPound commemora Luigi Natoli nell’anniversario della nascita.

Share Palermo, 14 aprile – In occasione del 160esimo anniversario della nascita di Luigi Natoli, …

CasaPound, banchetti in 100 città, al via la raccolta firme per il Reddito Nazionale di Natalità nel giorno della festa del papà

Share Palermo, 19 mar – Questo fine settimana in occasione della festa del papà, in …

Foibe, a Palermo presidio di CasaPound in ricordo del dramma

Share Palermo, 10 febbraio – Si svolgerà sabato 11 febbraio in via Ruggero Settimo il …

Catania, CasaPound: “Perchè si parla di degrado solo per Sant’Agata?”