Seguici su Facebook

 
Home / News / Palermo, CasaPound commemora Luigi Natoli nell’anniversario della nascita.

Palermo, CasaPound commemora Luigi Natoli nell’anniversario della nascita.

Palermo, 14 aprile – In occasione del 160esimo anniversario della nascita di Luigi Natoli, questa mattina i militanti di CasaPound hanno deposto un mazzo di fiori sulla tomba dello scrittore siciliano situata nel cimitero di Sant’Orsola.

“L’amministrazione di Palermo, Capitale della Cultura 2018 – dichiara CasaPound Palermo – dimentica di ricordare l’ingegno di uno dei più fecondi scrittori siciliani. Risorgimentale di famiglia, fortemente legato alla sua terra, Natoli vedeva nell’unità d’Italia la vera realizzazione della libertà del popolo siciliano e nel fascismo la vera speranza di eliminazione delle ingiustizie e delle usurpazioni.

Assieme a Luigi Natoli vogliamo anche ricordare lo spirito spigliato e guascone di Blasco da Castiglione, protagonista del suo romanzo più famoso, i Beati Paoli, e il senso di giustizia che anima lo stesso, in un’epoca dominata dai voltafaccia dei tanti Matteo Lo Vecchio”.



Lascia un commento

Commenti

Check Also

Palermo, CasaPound: Centrodestra seduto al tavolo degli inciuci, noi in piazza con il popolo.

Share Palermo, 4 feb – Si è svolto oggi pomeriggio il presidio di CasaPound contro …

Immigrati: ‘chi scappa dalla guerra non merita rispetto’, striscioni ‘choc’ di CasaPound in 100 città italiane

Share Roma, 31 gennaio – “Chi scappa dalla guerra, abbandonando genitori, moglie e figli non …

CasaPound: quasi seimila iscritti in 48 ore, risultato da record per la festa del tesseramento

Share Quasi seimila iscrizioni in 48 ore. Risultato da record per la festa del tesseramento …

Acca Larenzia: CasaPound, striscioni per i martiri e il 7 gennaio marcia silenziosa contro l’odio antifascista

ShareRoma, 5 gennaio – “7 gennaio: onore ai martiri di Acca Larenzia”. Questo lo striscione …

Edilizia scolastica e sprechi: il Blocco Studentesco sigilla le scuole di Palermo

SharePalermo, 21 Dicembre – “Scuole a pezzi e fondi inutilizzati, adesso ci siamo incazzati” così …